Il vescovo e il drago

Questo che vedete è lo stemma di un nuovo vescovo.

Di solito nello stemma un vescovo dice qualcosa di sé, racconta agli altri chi è, qual è la sua storia. In questo stemma, in basso, vediamo un drago trafitto da una lancia.
Cosa ci fa un drago nello stemma di un vescovo?



Ce lo dice don Andrea Ripa che sabato 26 febbraio 2022 sarà ordinato vescovo nella basilica di San Pietro a Roma: “Il drago trafitto è da sempre simbolo di San Giorgio, rappresenta la perenne lotta del Bene verso il male, qui appunto rappresentato da questa fiera chimerica”. San Giorgio è il Patrono degli scout di cui don Andrea è stato assistente nelle diverse branche e a servizio della formazione capi, per circa vent’anni.

Don Andrea, originario di Rimini, è stato A.E. in alcuni gruppi della zona di Rimini e per qualche anno anche A.E. regionale della branca E/G oltre che formatore sempre in branca E/G. Da quando è a Roma e svolge il suo servizio in Vaticano, ha accompagnato alcuni gruppi AGESCI della Capitale, mettendosi al servizio di ragazze e ragazzi, capo e capi che ha incontrato sul suo percorso.

Siamo contenti che in un momento così importante della sua vita abbia voluto ricordare il cammino che ha compiuto con noi. Buona strada don Andrea. Il Signore ti accompagni in questo nuovo servizio che ti ha chiamato a compiere nella Chiesa.

don Andrea Turchini, A.E. regionale

No Replies to "Il vescovo e il drago"

    I commenti sono moderati.
    La moderazione potrà avvenire in orario di ufficio dal lunedì al venerdì.
    La moderazione non è immediata.